21 maggio 2006

Roberto e la fotografia astratta

 

Roberto scopre l'astratto, o almeno percepisce che rappresentare lo cose così come sono, oggigiorno è facile e banale, tenta quindi nuove vie espressive, attraverso il puro colore, senza cercare una rappresentazione naturalistica; quale miniera più ricca dei fiori per una ricerca di questo tipo?  L'ultimo fiore è sua moglie.

La tecnica è ovviamente semplicissima: Canon EOS 350D focale 200 mm, esposizione a priorità dei tempi, tempo 1/8 di secondo, mosso intenzionale, diaframmi oltre f 36.
Mi sentirei di consigliare a Roberto di insistere su questa strada, anche se personalmente spero che non abbandoni la fotografia di animali in libertà (riconoscibili).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ritorna all'indice vetrina