20 luglio  2007

Dario Ghelfi

 

 

RICETTE DA CERVIA

 

 

         Avevamo appena finito di leggere il bel “noir” di Francesco Abate e Massimo Parlotto, Mi fido di te (che recensiamo in questo stesso sito) ed eravamo ancora preda di una certa qual inquietudine, a fronte delle descrizioni di efferate adulterazioni alimentari, quando, a ridargli ottimismo e serenità, chi scrive è stato invitato al pranzo di chiusura dell’anno scolastico 2006-07 dell’Istituto Professionale Statale per i  Servizi Alberghieri della Ristorazione (IPSSAR) di Cervia. Un pranzo grandioso, aperto da una serie di antipasti, con NOVE portate, un buffet di pasticceria e vini pregiati (Muller Thurgau, Bardolino Chiaretto e Moscato d’Asti). Il tutto preparato, organizzato dagli alunni delle classi terze (divisi in Ricevimento Sala, Sala, Cucina), guidati da loro professori e assistenti tecnici di laboratorio.

        

 

 

 

 

Ad integrazione e corollario di questa festa del palato e della gola, un dono “letterario”, un volume sull’arte culinaria del territorio cervese: Stefano Giorgetti, Ricette e valori nutrizionali, pubblicato con il Patrocinio del Comune di Cervia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

         Elaborato dagli alunni della 5° B, durante le ore di compresenza fra le materie di cucina e di alimentazione, il volume presenta una serie di ricette dello Chef di Cucina Prof. Mario Manzi, divise in: Antipasti,  Primi piatti di pesce, Piatti Unici, I primi piatti, I secondi, Dessert, Le salse.

         Ogni ricetta descrive gli ingredienti ed il procedimento per realizzare il piatto. Si continua con l’indicazione dei valori nutrizionali: calorie, proteine, lipidi e glucidi.

         Alcune ricette, poi, sono arricchite da un commento, in relazione alla copertura dello stesso piatto, magari assieme ad un altro, del pasto completo, o alla proposta di abbinamento con un’altra portata e  al vino che lo deve accompagnare.

         Va da sé che la “presentazione” di un libro siffatto, nel contesto di un pranzo favoloso, rappresenta il modo migliore di coniugare la letteratura con il gusto.

 

 

ritorna all'indice Ghelfi