09 ottobre 2007
Dario Ghelfi

POLIZIA RELIGIOSA A RAMALLAH

 

         E’ una notizia che è passata quasi inosservata. Chi scrive l’ha letta sul Corriere della Sera, casualmente, perché non è quello un giornale che legge abitualmente.

Ecco di che si tratta. A Ramallah, capoluogo del quasi-stato della PALESTINA, agenti di una nuova polizia religiosa istituita da Al Fatah (con ogni probabilità per rincorrere a destra gli estremisti di Hamas che hanno preso il potere a Gaza), hanno fermato dei ragazzi che fumavano sulla pubblica via, in un giorno del Ramadam (da notarsi che l’osservanza del Ramadam è controllata, istituzionalmente, solo in pochi Paesi arabi, del tipo dell’Arabia Saudita).  I giovani hanno dichiarato di essere cristiani, ma ad un controllo dei documenti si è visto che tali non erano. Sono stati portati al posto di polizia e rapati a zero.

         Polizia religiosa di Al Fatah, il movimento laico, per cui da giovani abbiamo manifestato, quando era guidato da quel grande leader che è stato Arafat!

Ma erano i tempi della guerra fredda e nazionalisti e laici erano (spesso a torto) considerati amici dell’Unione Sovietica e comunisti. Sono stati aspramente combattuti e distrutti. Ora la società civile di tutti i paesi arabi è dominata dai religiosi, se non dagli estremisti religiosi.

         Un bel risultato senza dubbio ed una strada che gli esportatori di democrazia (con in coda l’Europa) seguono imperterriti ancora, tanto è vero che quando gli americani si ritireranno dall’Iraq, il potere sarà totalmente in mano agli integralisti, come già ora si verifica a Bassora e nel Sud dell’Irak.

 

 

ritorna ad Hyde Park