3 dicembre 2012,  da Valentina Bosi

Nel presentare ai lettori di argentoeno queste delicate e profonde liriche di Valentina Bosi mi sembra necessario richiamare il suo nitido e  toccante commento alle sue foto dall'India pubblicate pochi giorni fa.
In queste parole Valentina mette ancora tutta la sua sensibilità, la sua fantasia, la ricchezza del suo arsenale poetico, la levità del suo essere donna in un mondo e in una epoca così pesantemente alieni dalla poesia, avendo calpestato fiori, ucciso albe, imprigionato fratelli; tutto sporcato e mercificato. Non ditemi apocalittico, rivangare queste tristezze mi consente di meglio apprezzare il soffio gentile che ci regala Valentina.
Spero quindi che Valentina ritorni, quando ne avrà voglia, a farci partecipi del suo acuto e delicato sentire.
Aggiungo infine che, con il permesso dell'autrice mi sono azzardato ad accompagnare le sue parole con alcune mie foto; non perché pensi che sia possibile aggiungere qualcosa alla forza della parola (mai l'immagine riesce a comunicare più della regina dei media) ma solo per una presunzione decorativa e per richiamare alla memoria alcune mie lontane emozioni in qualche modo avvicinabili (ma non troppo) a quelle espresse da Valentina; spero che nessuno mi voglia lapidare e che la brava Valentina accetti queste vicinanze anche quando non sono a prima vista abbastanza sincrone.

Beppe


 

 

COLOR OF YOUR SOUL

 I colori sono così spessi che si possono toccare

Li puoi sentire esplodere sulla tela, nel cuore

Si mischiano e si penetrano a vicenda senza paura, senza rimorso

E non rimane altro che arrendersi alla bellezza che è

Anche la tua

Ti sei mai chiesto se esista un altro modo di vivere?

 

 


 

POP ART

 Potrei chiudermi in un bella scatolina con fiocchetto rosso,

potrei chiudermi in uno di quei barattoli di latta della pop art…

tutti uguali…ma colorati per consolazione.

potrei infilarmi in una serra al calduccio mentre fuori nevica

perdendomi tutto lo spettacolo dietro la tela di plastica appannata

potrei, potrei confezionare tutto

e tagliare fuori lo sguardo dello sconosciuto.

 

 


 

 

FAIRY GIRL

Piccola bambina dai capelli al vento,

occhi di fata, sorriso pirata

Saltelli coraggiosa per il giardino come se fosse una foresta

Porterai a casa piccoli doni:

foglie, bacche, animaletti, sassi dalle schegge scintillanti

ma questa è casa tua

il vestito è sgualcito e speri che mamma non se ne accorgerà

Oh piccola bambina della foresta,

sparpaglia i tuoi tesori come soffioni

che danno vita alla bellezza sulla terra

 

 

 


 

ritorna all'indice prosaeno